Via da lì - storia del pugile zingaro, Pandemonium Teatro

(senza data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio.
2. Un catalogo è considerata come un singolo evento.
3. Nel titolo indicare lo spettacolo e la compagnia.
4. Per i cataloghi, nel titolo, indicare l'anno.
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 833
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Via da lì - storia del pugile zingaro, Pandemonium Teatro

Messaggio da Admin » 26/04/2017, 0:01

Via da lì - storia del pugile zingaro

NOVITA’ 2017
• Progetto e Interpretazione: Walter Maconi.
• Regia e Drammaturgia: Lucio Guarinoni e Walter Maconi.
• Scene e Costumi: Emanuela Palazzi.
• Disegno luci, animazioni e programmazione video: Massimiliano Giavazzi.
• Riprese video: Ila Scattina
• Collaborazione tecnica: Carlo Villa.
• Realizzazione scene: Massimo Zanetti.

Durata: 60 minuti
Evidenze tecniche:
H. 4 m. / L. 8 m / P. 6,5 m. • Kw 10
Johann Trolmann, detto Rukeli, ha un sogno. Diventare un campione di boxe. Rukeli è stato campione di
Germania dei pesi mediomassimi negli anni trenta. Nato ad Hannover, Rukeli era sinti, quello che ancora
oggi definiremmo uno zingaro. Proprio questa sua diversità lo ha reso un innovatore: è stato il primo
pugile professionista a introdurre “il gioco di gambe”. Come tutti gli innovatori anche Johann Trollman
non ebbe una vita facile: nella Germania nazista dove il “vero pugile” era chi stava fermo al centro del ring
e tirava pugni basando il suo stile solo su forza e virilità, il ballerino zingaro non poteva certo essere il
campione e fu condannato a una discesa implacabile. Il titolo “Via da lì” riprende la frase che dal bordo
ring i secondi lanciano al loro atleta quando è stretto nell’angolo e lo incitano a uscire dalla trappola. É
una frase-invocazione che a livello simbolico raccoglie tante piste narrative che la storia portata in scena
contiene. Una storia incredibile, dove sport, successo, politica, Storia, passione si abbracciano togliendo il
respiro. Una “piccola” vicenda umana per raccontare la Storia e una delle sue più grandi tragedie: il
genocidio di intere etnie, culture e diversità ad opera dei nazisti. Una storia che parla di come lo sport
riesca a farci crescere e cambiare, di cosa voglia dire convivere con la propria identità e diversità, di come
un sogno possa sfidare i pregiudizi.

Pandemonium Teatro
Teatro d'Arte Contemporanea per le Nuove Generazioni soc. cooperativa sociale O.N.L.U.S.
Uffici: via Pietro Paleocapa 14 - 24122 Bergamo Tel. 035 235039 - Fax 035 235440
www.pandemoniumteatro.org - email organizzazione@pandemoniumteatro.org

Rispondi