Spettacoli natalizi, Teatro Telaio (BS)

(senza data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio.
2. Un catalogo è considerata come un singolo evento.
3. Nel titolo indicare lo spettacolo e la compagnia.
4. Per i cataloghi, nel titolo, indicare l'anno.
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 908
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Spettacoli natalizi, Teatro Telaio (BS)

Messaggio da Admin » 07/10/2016, 21:39

Natale... a teatro

SPETTACOLI NATALIZI PER LE SCUOLE O PER LE FAMIGLIE, DA VOI O DA NOI

ASPETTANDO NATALE
Tre racconti contemporanei preceduti dalla storia della santa più cara ai bambini: Lucia. Presso le scuole con la formula "Storie di Classe" oppure per momenti di aggregazione famigliare, anche in rsa.
Età consigliata: dai 3 ai 10 anni
Tre racconti contemporanei preceduti dalla storia della santa più cara ai bambini, Lucia.
In un paese immaginario si vive con trepidazione la festa attraverso la ricorrenza della preparazione del dolce tipico. Tuttavia di notte qualcuno li ruba prima che la gente possa riceverli. Ma alla fine tutto si risolverà.
In Germania, in un tempo indefinito, una vecchietta, Gretchen, combatte la Morte per riuscire a finire il golfino che, come ogni anno, sta preparando per il bambino Gesù che viene (in inverno in Germania, si sa, fa molto freddo).
Il giorno della sua nascita Gesù si presenta come un normalissimo bambino, che non dorme, strillando come tutti. Un angelo musicista e compositore viene inviato per calmarlo, ma le più raffinate musiche non ottengono il risultato sperato. Saranno i semplici suoni e rumori della notte a farlo dormire.
Il Natale, festa cristiana che come spesso accaduto, ha assorbito elementi e tradizioni precedenti, esprime il senso del dono attraverso la nascita: di un Bimbo innanzitutto, luce, meraviglia, novità, calore, trasfigurazione. Aspettando Natale è incentrato sulla tecnica dell'attore, sul linguaggio del corpo, e vede un lavoro di contaminazione di elementi di mimo, espressività vocale e visiva (figure, oggetti).
Lo spettacolo, adatto ad un pubblico scolastico di bambini dai 3 anni, è disponibile anche per il pubblico delle famiglie.

LA FESTA DELLE FESTE
Betlemme, La Mecca, Il Gange: tre luoghi lontani tra loro. Che cosa li accomuna? Uno spettacolo sul dialogo interreligioso.
PROGETTO NEXT 2015 Laboratorio delle Idee (Regione Lombardia)
drammaturgia e testo di Michele Segreto e Angelo Pennacchio
scenografia e pupazzi di Donatella Mora
scenotecnica di Mauro Faccioli
Età consigliata: dai 4 ai 10 anni
si ringraziano Antonio Errico per l'animazione dei pupazzi e Shafali Mathur e Mahjoiba Ghamroui per le loro testimonianze come mediatrici culturali.
Un garzone pasticcione deve allestire un grande banchetto a cui sono stati invitati tutti, ma proprio tutti...
Sembra non manchi nulla eppure… Qual è l’ingrediente che ancora manca perché la festa possa avere inizio? E, soprattutto (si chiede), è proprio nel posto giusto?
Si fanno avanti quattro animali, un gatto, una mucca, un cammello e un dromedario che stanno tutti accompagnando i loro rispettivi padroni in un posto che sembra da tutt’altra parte: La Mecca, il Gange, Betlemme. Ognuno di loro ha storie da raccontare che sembrano essere diversissime. Eppure è comune la voglia di camminare per arrivare al “centro”, il luogo dove la festa possa caricarsi di senso.
Uno spettacolo lieve e divertente, che parla ai bambini con il linguaggio della favola, dando voce agli animali ed evocando luoghi e tempi lontani, quasi mitici, ma che hanno tutt’oggi il potere di far intraprendere un viaggio (pellegrinaggio) a migliaia di persone.
Uno spettacolo che usa immagini e parole semplici per raccontare storie che si tramandano da migliaia di anni, perché l’accoglienza possa cominciare dalla conoscenza delle proprie e delle altrui tradizioni, non dal loro nascondimento o negazione.
Uno spettacolo che, a suo modo, introduce metafore ardite e grandi domande, tutte a portata di bambino ma che, forse per questo, si fanno complicate quando si diventa adulti.
"L'armonia (...) è il segreto per un mondo migliore e, tra il pubblico, le risate allegre dei bimbi sembrano averlo confermato" (Simone Tonelli - Giornale di Brescia)
"In modo lieve, umoristico e lirico al tempo stesso lo spettacolo usa immagini e parole semplici per raccontare storie che si tramandano da migliaia di anni esplorando alcuni elementi chiave delle religioni musulmana, induista e cristiana" (Alessandro Faliva - Bresciaoggi)

http://www.teatrotelaio.it/ Brescia

Rispondi